Premio Luisa Minazzi Ambientalista dell’anno – 2016. Si vota fino al 13 novembre!

Premio Luisa Minazzi _logopremio-minazzi_2016

AMBIENTALISTA DELL’ANNO 2016

Chi sono i candidati

Dieci anni di storie, dieci anni d’incontri con tante figure, quasi sempre poco note al grande pubblico, esemplari per l’impegno a favore del prossimo, dell’ambiente, della legalità. Ha una storia ormai lunga il premio Luisa Minazzi – Ambientalista dell’anno promosso da Legambiente e La Nuova Ecologia che ha messo radici, grazie all’ammini­strazione comunale e con il sostegno di Weleda, a Casale Monferrato (Al).

Le candidature che presentiamo per questa edi­zione confermano quanto di buono emerge dal paese se cominciamo ad osservarlo con uno sguardo costruttivo.

Perciò eccoli qua i “magnifici otto” selezionati dal co­mitato organizzatore della città piemontese sulla base delle segnalazioni (più di trenta stavolta) espresse dalla giuria preliminare. Troviamo un gruppo di mamme che si batte contro lo smog a benefìcio dei pro­pri figli e di tutta la cittadinanza, un’insegnante che va oltre la propria disciplina e valorizza con gli studenti il territorio, un esponente delle forze dell’ordine che indaga con rigore a tutela della salute pubblica su terreni assai delicati. Andiamo dagli esploratori degli abissi al custode dei ghiacciai, passando per l’innovazione d’impresa nel segno della chimica verde, il contrasto al con­sumo di suolo da parte di una sindaca che guida una giunta di sole donne, la resistenza al racket di un commerciante coraggioso. E l’Italia che sottoponiamo al voto dei nostri lettori e dei cittadini di Casale, tramite le urne dislocate in diversi luoghi pubblici e la collabora­zione del quotidiano La Stampa e II bisettimanale Il Monferrato, sapendo che tutti e otto i candidati per noi sono già vincitori.

Il premio

Il premio Ambientalista dell’anno, promosso da Legambiente e la Nuova Ecologia, è intitolato da sempre a Luisa Minazzi, dirigente scolastico di Casale Monferrato (AL), già Assessore comu­nale nei primi anni ’90, scomparsa a 58 anni nel 2010 per mesotelioma pleurico. È stata il testimonial pubblico di una battaglia per la vita, contro l’amianto, per lo sviluppo della ricerca, che l’ha vista impegnata, ininterrottamente, nei quattro anni della sua lun­ga e sofferta malattia. Legambiente e insieme a lei la comunità di Casale hanno raccolto il messag­gio di Luisa e continuano a farlo vivere attraverso un premio annuale, a lei inti­tolato, che premia l’impe­gno e la quotidianità di chi, in Italia, si batte per sviluppare “cultura dell’am­biente”, per il rispetto delle regole e della le­galità. E soprattutto l’occasione per sviluppare un discorso legato alla rigenerazione urbana, al riscatto delle città (Casale Monferrato in pri­mis e non solo) troppo a fondo maltrattate, pri­gioniere di una mono-cultura industriale (vedi Taranto, Gela, Manfredonia, Piombino, ecc.) che ha rapinato e distrutto i territori. Per questo vorremmo fare del Premio un momento di sen­sibilizzazione sui danni che l’uomo arreca alla natura e alla salute, ragionando con i sindaci del Monferrato, i giovani e le scuole, le associazioni, la politica, per un momento di confronto capace di suscitare interesse e aspettative.

La Giuria e il Comitato organizzatore

Le candidature preliminari sono state espresse dalla giuria di cui fanno parte: Rosy Battaglia (giornalista free lance e fondatrice di Cittadini reattivi), Paola Bolaffìo (pre­sidente di Giornalisti nell’erba), Rossella Muroni (presidente di Legambiente),Tessa Gelisio (conduttrice tv di programmi sull’ambiente), Luca Gioanola (in rappresentanza dei Comuni virtuosi), Toni Mira (giornalista del quotidiano Avvenire), Giuseppe Onufrio (direttore di Greenpeace) e Monica Triglia (vicedirettrice di Donna Moderna).

Sono state selezionate dal comitato promotore di Casale M.to di cui fanno parte: Comune di Casale, Parco fluviale del Po e dell’Orba, Afeva, Agesci, Associazione dei comuni virtuosi, AVIS Casale, Auser, Circolo Verde Blu di Legambiente, Club Alpino Italiano, Equazione, Fiab, Legambiente Piemonte, L’albero di Valentina, Weleda.

ADESSO VOTA ILTUO CANDIDATO!

C’è tempo fino al 13 novembre per votare e far votare un candidato/a della lista: si può rispedire la scheda a “La Nuova Ecologia”, via Salaria 403, 00199, Roma, oppure invia­re un’email all’indirizzo “ambientalista2016@lanuovaecologia.it”

indicando il proprio nome, cognome, indirizzo, età e preferenza.

Il premio sarà consegnato il 2 dicembre 2016 a Casale Monferrato presso la sala consiliare del Comune in occasione di manifestazione pubblica.

Con il contributo di WELEDA e il sostegno fornito dalla Tipografìa La Nuova Operaia di Casale M.to

www.premioluisaminazzi.it

info@premioluisaminazzi.it

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...